OSSERVATORIO SULLA PRODUTTIVITA’: PROBLEMI PER IL 2011, RINVIATO L’ESAME DEL 2010

Nazionale -

L’osservatorio sulla produttività convocato per la mattinata di oggi, 3 ottobre, ha affrontato esclusivamente la questione del mancato pieno raggiungimento degli obiettivi 2010 da parte di alcune sedi. Per quanto riguarda il 2011, è stata consegnata una rilevazione della produttività, aggiornata ad agosto, che evidenza una situazione preoccupante in LOMBARDIA, LIGURIA, VENETO, UMBRIA, CAMPANIA, PUGLIA, SICILIA, mentre problemi più contenuti interessano la CALABRIA.

 

Per quanto riguarda il 2010, abbiamo chiesto ed ottenuto un tavolo di confronto con la presenza del Direttore Generale, nel quale esaminare nel dettaglio la situazione delle sedi che non hanno raggiunto pienamente gli obiettivi. A tale riguardo abbiamo chiesto che ci siano fornite tutte le giustificazioni scritte prodotte dai dirigenti delle sedi interessate, al fine di poter esaminare in modo compiuto e costruttivo ogni singolo caso. Il Direttore Centrale della Pianificazione Programmazione e Controllo si è detto disponibile a fornire tale documentazione. Il nostro obiettivo resta il pieno riconoscimento dell’incentivo a tutte le sedi, di fronte ad una sperimentazione organizzativa complessa che ha determinato non pochi problemi e ad una produttività centrata ancora sulla quantità.

 

La stessa Amministrazione ha ravvisato l’esigenza di rivedere la misurazione della produttività, che appare oggi datata e non rispondente alla ricerca di una qualità dei servizi sempre meno riconosciuta dagli utenti. Concordiamo sul principio, in attesa di verificare le proposte concrete. Quello che non possiamo accettare è che a pagare siano i lavoratori, con decurtazioni dell’incentivo che arrivano a superare i 1.000 euro annui, mentre è ormai chiaro che anche chi ha raggiunto pienamente gli obiettivi, rispetto al 2009 ci ha rimesso almeno 300 euro. A meno che non si confidi negli eventuali risparmi degli altri capitoli del Fondo (indennità, sviluppo professionale ecc.). Ma è accettabile dover aspettare due anni per sapere quanto si è percepito effettivamente d’incentivo??? 

 

FP CGIL INPS         FILP FIALP CISAL        USB PI INPS