FIRMATO DEFINITIVAMENTE IL CONTRATTO INTEGRATIVO 2017. ENTRO FEBBRAIO SARANNO PAGATI GLI ISTITUTI PREVISTI

Comunicato n. 86/17

Nazionale -

Ieri pomeriggio abbiamo siglato in via definitiva il Contratto integrativo 2017, che ha avuto un iter di valutazione da parte dei ministeri vigilanti piuttosto travagliato, soprattutto nella parte riguardante i passaggi economici, per la quale è stato necessario un verbale aggiuntivo firmato lo scorso 15 novembre.

Entro febbraio l’amministrazione erogherà i compensi economici per:

-      passaggi di livello con decorrenza 1° gennaio 2017;

-      maggiorazione del TEP ad A3/B3/C5 già collocati al livello apicale dell’area prima delle selezioni 2016;

-      riconoscimento del TEP al personale che alla data del 1° gennaio 2017  risulti abbia maturato due anni di servizio continuativo presso l’INPS.

Torneremo in seguito con altro comunicato ad approfondire i contenuti di questo accordo che ha visto dopo tanti anni la firma della USB su un CCNI. L’attenzione ora è rivolta al Contratto integrativo 2018 per onorare gli altri impegni assunti con i lavoratori, a cominciare dai passaggi verticali da un’area all’altra e dalla collocazione ad A3 e B3 di tutti gli A e B.

 

MAPPATURA DELLE SEDI PER ELEZIONI RSU

Sempre nel pomeriggio di ieri abbiamo firmato l’accordo per l’individuazione delle sedi nelle quali sarà costituita la RSU con le prossime elezioni del 2018. L’amministrazione aveva proposto di considerare sedi RSU solo quelle in cui insiste la presenza di un dirigente. Nel nostro intervento abbiamo proposto di mantenere la RSU anche nelle Agenzie complesse, come avvenuto nel 2015, per favorire una rappresentanza diretta dei lavoratori il più capillare possibile. Allo stesso modo si sono espresse quasi tutte le altre organizzazioni sindacali intervenute. Abbiamo chiesto ed ottenuto che nel verbale di accordo fosse inserito un riferimento alla necessità che sia il dirigente a recarsi nell’Agenzia complessa per la trattativa e il confronto e non viceversa.

 

VERTENZA ISPETTORI DI VIGILANZA

Abbiamo incalzato l’amministrazione sulle due richieste d’incontro inviate dalla USB l’11 e il 14 dicembre scorso, successivamente alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del DM del 10 ottobre 2017 firmato dal ministro Poletti.

L’amministrazione ha annunciato la convocazione dell’incontro per il prossimo 11 gennaio. Singolare la nota inviata da CGIL-CISL-UIL dopo che l’amministrazione aveva già comunicato la data del confronto.

 

MOBILITA’ ORIZZONTALE TRA PROFILI

L’amministrazione ha informato che predisporrà il bando per i cambi di profilo e, appena possibile, la questione sarà oggetto di confronto al tavolo sindacale nazionale. Successivamente alla pubblicazione del bando, sarà possibile per i lavoratori presentare istanza di passaggio ad altro profilo secondo le indicazioni relative all’accordo sottoscritto il 26 luglio di quest’anno.

 

ROTAZIONE DEGLI INCARICHI

L’amministrazione ha dichiarato di non aver dato indicazioni circa la durata perentoria fino a 3 anni degli incarichi di posizione organizzativa o di responsabile d’Agenzia, lasciando ai direttori regionali la valutazione dell’opportunità di procedere o meno a rotazione.

Per quanto riguarda la proroga delle attuali posizioni organizzative fino a marzo 2018, in attesa della riorganizzazione, è stato specificato che nel frattempo sono messe a bando quelle vacanti per pensionamento o per altro motivo e quelle per particolari esigenze.

Tuttavia è stato fatto notare che in alcuni territori si sta procedendo ad una riassegnazione generalizzata che determina situazioni di disallineamento sul piano nazionale.

E’ stato annunciata per il 15 gennaio 2018 una convocazione sui Benefici assistenziali.

 

USB Pubblico Impiego INPS