OFFRESI A FLP CORSO “GRATUITO” DI LETTURA DI VOLANTINI USB

Comunicato n. 89/18

Nazionale -

Non saremo certo noi a scandalizzarci per un po’ di polemica sindacale, quindi avremmo volentieri evitato d’intervenire in merito allo sconclusionato attacco di ieri da parte della FLP, se non fosse che ci siamo accorti che non sanno proprio leggerli i volantini della USB ed allora occorre spiegarglieli.

La FLP ha diffuso il comunicato USB N. 55 del 2016 nel quale esprimevamo, senza giri di parole, le nostre perplessità rispetto alle ragioni dei colleghi che chiedevano di partecipare nel 2016 alle selezioni per C5 in quanto idonei nella graduatoria C4 delle selezioni 2008. Erano colleghi che nelle selezioni 2008 avevano ottenuto il passaggio economico a C3, ma avevano potuto partecipare anche alla selezione per C4 in quanto all’epoca dell’emanazione dei bandi non c’era ancora il vincolo introdotto dal Contratto collettivo nazionale del passaggio da un livello economico a quello immediatamente superiore.

Nel 2010, considerando le risorse economiche disponibili, insieme alle altre organizzazioni sindacali e quindi anche la UIL di cui era dirigente sindacale l’attuale segretario della FLP, si preferì far conseguire un passaggio a chi non l’aveva avuto in precedenza (quasi undicimila lavoratori) piuttosto che far fare due passaggi ad un numero ristretto di lavoratori. A distanza di anni, nel 2016, anche a seguito di un parere fornito dallo studio legale che supporta la USB, quelle graduatorie a nostro parere non potevano essere considerate ancora valide e lo abbiamo detto e scritto con chiarezza. Riportiamo, di seguito, il passaggio del volantino USB N. 55/2016 diffuso ieri dalla FLP.

“Nel merito, non abbiamo timore a dichiarare le nostre perplessità rispetto alle ragioni di chi oggi chiede di partecipare alla selezione a C5 in quanto idoneo alle graduatorie del 2008, perché siamo stati protagonisti dell’accordo di programma 2010-2012, che avrebbe dovuto sviluppare i suoi effetti sul triennio e che purtroppo è stato bloccato dal DL 78/2010 del governo Monti e dai successivi provvedimenti di legge. Tuttavia, se si fa un’apertura questa deve valere per tutti.”

Considerando, appunto, che l’amministrazione aveva riaperto i termini delle selezioni 2016, e su questo chi guida oggi la FLP ne sa certamente molto di più di noi, e visto ancora che si stavano ammettendo alle selezioni lavoratori che avevano impiantato ricorso, e anche su questo l’attuale segretario della FLP, visto che all’epoca era un influente segretario regionale della UIL, siamo sicuri che ne conoscerà tutti i retroscena, proponemmo all’amministrazione di far partecipare alle selezioni 2016 tutti gli idonei C4 del 2008, per non determinare disparità di trattamento tra chi aveva presentato ricorso e chi no, ovviamente ancorando la posizione di tutti all’esito dei ricorsi. A memoria, fummo l’unico sindacato ad assumere questa posizione mentre tutti gli altri si defilarono, compresa la UIL della quale, come abbiamo ricordato in precedenza, era dirigente sindacale l’attuale segretario della FLP e che non ci risulta fece nulla per difendere quei lavoratori ai quali oggi fa fare ricorso.

In conclusione, non abbiamo promesso nulla a nessuno, come sostiene la FLP, anzi, con coraggio e coerenza, a quei lavoratori dicemmo e scrivemmo che la loro rivendicazione non ci convinceva affatto.

Ora la FLP può anche fare iscritti soffiando sul malcontento di quei lavoratori e può anche spingere una parte di quelli, iscritti alla USB, a cancellarsi per aderire ai ricorsi promossi dal “nuovo” sindacato. Poco importa, per noi tutti i lavoratori sono liberi e ripetiamo che alla USB ci si iscrive per convinzione e non per convenienza e men che meno per costrizione, magari legati da un ricorso.

La FLP sta curando gli interessi di chi aspira a diventare C5 ed a questi ha fatto presentare domanda per la partecipazione alle selezioni 2018, sapendo che le risorse economiche non sono infinite e che quindi bisogna fare delle scelte. Noi abbiamo invitato gli A2 ed i B2 a presentare domanda, perché riteniamo siano i lavoratori più in sofferenza insieme al resto del personale delle Aree A e B. Come al solito, abbiamo fatto una scelta coraggiosa, perché è fin troppo semplice dare ragione a tutti e per tutti organizzare un ricorso.

La FLP oggi partecipa ai lavori del tavolo sindacale e la USB no, anche qui per la coerenza del sindacato di base di non voler subire il ricatto di dover firmare un Contratto collettivo nazionale che anche a detta della FLP fa schifo. Vediamo di cosa è capace la FLP, se saprà condizionare il confronto come ha fatto in tanti anni la USB ottenendo concreti risultati per i lavoratori. Fin qui non ci sembra che il “nuovo” sindacato abbia fatto granché.

USB Pubblico Impiego INPS