ORA E SEMPRE RESISTENZA - 24 MARZO, GIORNATA DI ANTIFASCISMO MILITANTE

Comunicato n. 30/19

Nazionale -

Il 24 marzo del 1944 le truppe di occupazione tedesche trucidarono 335 civili e militari alle Fosse Ardeatine a Roma, come rappresaglia per l’azione partigiana compiuta il giorno prima in Via Rasella. Tra i martiri di quell’eccidio ci furono quattro dipendenti dell’Istituto: Guido Costanzi, Carlo De Giorgio, Aladino Govoni e Luigi Pierantoni.

Questa mattina, alle ore 12, nel cortile della Direzione generale dell’INPS, vertici e lavoratori si riuniranno sotto la targa commemorativa per un momento di ricordo e di testimonianza dei valori fondativi di una repubblica nata dalla resistenza.

Per noi il 24 marzo è questo, una giornata di antifascismo militante, non un semplice ricordo ma il segno di un impegno politico quotidiano a difesa di quella libertà conquistata con la lotta partigiana.

Quando nel 2009 Antonio Mastrapasqua, da poco nominato Commissario dell’INPS, “mancò” l’appuntamento del 24 marzo, ci pensammo noi a colmare quel vuoto con un’iniziativa alla quale parteciparono moltissimi lavoratori, perché l’antifascismo, così come la difesa dei diritti dei lavoratori, non va a corrente alternata a seconda dell’opportunità politica.

USB Pubblico Impiego INPS