BRACCIO DI FERRO TRA DELEGATI USB E AMMINISTRAZIONE CONTINUA LA PROTESTA ALL’INTERNO DELLA DIREZIONE GENERALE INPS  

Nazionale -

 (155/20)  I delegati nazionali della USB Pubblico Impiego INPS restano all’interno della sala del Consiglio d’Amministrazione dell’Istituto di previdenza, dove stamattina hanno appeso cartelli con la richiesta dell’apertura della contrattazione integrativa 2020, di passaggi economici per 1.479 lavoratori delle Aree A e B mansionisti di lungo corso, di uno specifico compenso per mansionismo a tutto il personale delle Aree A e B, del buono pasto in lavoro agile legato all’emergenza epidemiologica, del trattamento economico di professionalità per chi è stato assunto nel 2019. L’incontro con il presidente Tridico non ha soddisfatto i rappresentanti del sindacato di base. Non ci si può accontentare delle promesse pur autorevoli dell’organo di governo dell’Istituto. I vertici dell’INPS si rifiutano di prendere impegni scritti con la USB per non scontentare gli altri sindacati, che, invece di sostenere le giuste rivendicazioni dei delegati che stanno attuando la protesta, in queste ore pubblicizzano le loro polizze assicurative come le migliori del mercato.

Il braccio di ferro continua. I delegati della USB sono intenzionati ad andare fino in fondo nella protesta, finché non otterranno impegni scritti sulle loro richieste.

E’ fin troppo evidente che da una parte c’è un sindacato libero, indipendente, che rivendica pari opportunità e diritti per tutte e tutti, dall’altra c’è un’Amministrazione stretta nella morsa di sindacati che del clientelismo hanno fatto la loro unica ragione di vita e difendono strenuamente l’attuale sistema, con l’appoggio di una dirigenza che nei confronti di quei sindacati ha debiti di riconoscenza. Se non si spezza questa catena, questo legame ancestrale, non si potrà mai aprire una nuova stagione. A Tridico abbiamo chiesto e chiediamo questo: voltare pagina rispetto al passato e far entrare aria fresca dentro l’INPS.

Se questo sarà possibile lo si capirà anche dall’esito della protesta in corso: prevarrà lo spirito di conservazione di consolidati meccanismi clientelari o si avrà il coraggio di aprirsi ad un reale cambiamento?

La notte si avvicina e la notte, in genere, aiuta a sciogliere i nodi.

 

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati