COMMEMORARE I CADUTI ALLE FOSSE ARDEATINE PER RICORDARE LE RAGIONI DELL’ANTIFASCISMO

Nazionale -

(48/21)  Il 24 marzo del 1944 le truppe di occupazione naziste trucidarono 335 civili e militari italiani, prigionieri politici, ebrei e detenuti comuni, come atto di rappresaglia per l’azione partigiana attuata il giorno precedente da alcuni membri dei GAP (Gruppi di Azione Patriottica) in Via Rasella a Roma.

L’eccidio delle Fosse Ardeatine resta uno degli atti più efferati compiuti dagli occupanti tedeschi sul territorio italiano.

Ricordare ogni anno i caduti delle Fosse Ardeatine non solo è doveroso ma aiuta a mantenere vive le ragioni dell’antifascismo.

Come ogni anno vogliamo ricordare i colleghi che trovarono la morte in quell’eccidio e i cui nomi sono riportati su una lapide affissa nel cortile della direzione generale dell’Istituto e onorata ogni 24 marzo con la deposizione di una corona di alloro: Guido Costanzi, Carlo De Giorgio, Aladino Covoni, Luigi Perantoni.

Ora e sempre Resistenza.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati