MEETING DI RIMINI? NO GRAZIE!

Ancora una volta la USB stigmatizza la partecipazione dell’INPS con un proprio stand al Meeting organizzato da Comunione e Liberazione.

 

Bologna -

 

 

Anche quest’anno l’Istituto partecipa al Meeting di Comunione e Liberazione che si sta svolgendo dal 24 al 30 agosto presso la Fiera di Rimini e come per gli anni passati alla Sede INPS di Rimini è stato richiesto di dare un contributo in termini di risorse umane e strumentali quali:

 

  • i funzionari per il presidio delle postazioni; 
  • il referente del gruppo di lavoro;
  • la collaborazione di un funzionario informatico;      
  • le apparecchiature informatiche 

Noi riteniamo che la partecipazione a questo evento sia quantomeno anacronistica e fatichiamo a comprenderne l’utilità per l’INPS e per gli assicurati dell’ente.

Se è vero che questi ultimi (siano lavoratori, pensionati o consulenti) devono privilegiare le informazioni che si reperiscono on line, comunicare con noi tramite mail o rivolgersi ai patronati, perché tenere aperto uno sportello all’interno della Fiera di Rimini? Oppure: perché solo in questa occasione? 

I partecipanti a quella “manifestazione” sono nella stragrande maggioranza dei casi: sacerdoti, liberi professionisti, bancari, insegnanti, proprietari di piccole o medie imprese e una folta schiera di giovani volontari, tra cui molti universitari che di certo non avrebbero problemi a collegarsi via WEB per le più svariate richieste, mentre gli anziani e i disoccupati non possono presentare domande ai nostri sportelli e devono obbligatoriamente utilizzare altri canali per comunicare con il nostro Istituto.  

Il servizio che viene maggiormente richiesto ai nostri colleghi presenti alla Casa del Welfare è il rilascio dei PIN e una settimana di Meeting costa alla PA molto più di centomila euro.

Forse è lecito chiedersi qual è il costo unitario di ciascuno PIN emesso e se, in un ottica di costi/benefici, sia opportuno tanto spreco di denaro pubblico in un’epoca di tagli draconiani che stanno mettendo in serio pericolo la sopravvivenza dello stato sociale e dei servizi pubblici. 

A che serve quindi tutto questo dispendio di energia e di denaro?  

Il nostro sospetto è che il Meeting “per l’amicizia tra i popoli” sia una vetrina che permette ai parlamentari e ai nostri dirigenti più rampanti di mettersi in mostra. 

Chiediamo di rafforzare i nostri servizi tutti i giorni e per tutti i nostri utenti, senza inchinarci ai potenti di turno che, anno dopo anno,  stanno demolendo proprio quel welfare di cui tanto si riempiono la bocca. 

 

                              Coordinamento regionale USB INPS Emila Romagna 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati