USB SCRIVE AL GOVERNO CHIEDENDO IL RINVIO DEL PASSAGGIO ALL’INPS DELLE COMPETENZE DELLE COMMISSIONI MEDICHE DI VERIFICA DEL MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

Nazionale -

Al Presidente del Consiglio dei Ministri  On. Giorgia Meloni

Al Ministro dell’Economia e delle Finanze  On. Giancarlo Giorgetti

Al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali  Dott.ssa Marina Elvira Calderone

e p.c.  Al Presidente dell’INPS  Prof. Pasquale Tridico

Al Vicepresidente dell’INPS Sig.ra Marialuisa Gnecchi

Ai Consiglieri d’Amministrazione  Dott. Roberto Lancellotti  Prof. Patrizia Tullini 

Al Direttore generale  Dott. Vincenzo Caridi

Al Direttore centrale Risorse Umane Dott.ssa Maria Grazia Sampietro

Al Coordinatore generale medico legale  Prof. Raffaele Migliorini

 

 

Oggetto: Legge 4 agosto 2022 N. 122, art. 45, comma 3-bis. Soppressione delle commissioni mediche di verifica del Ministero dell’Economia e delle Finanze e passaggio delle competenze all’INPS a decorrere dal 1° gennaio 2023.

 

La Legge 4 agosto 2022 N. 122 di conversione del decreto-legge 21 giugno 2022 N. 73, all’art. 45, comma 3-bis, prevede la soppressione delle Commissioni mediche di verifica operanti nell’ambito del Ministero dell’Economia e delle Finanze e il passaggio delle loro competenze all’INPS a far data dal 1° gennaio 2023. Gli accertamenti medico legali riguardano il pubblico impiego in tema di idoneità, inabilità a fini pensionistici, pensioni di guerra, causalità di servizio e reversibilità pensioni.

Per lo svolgimento di tali attività è prevista l’autorizzazione all’assunzione di 100 unità lavorative da collocare al livello economico C1, anche mediante lo scorrimento di graduatorie vigenti.

La scrivente organizzazione sindacale fa presente che attualmente all’INPS risulta una carenza di personale in area C pari a 6.479 unità lavorative, corrispondenti al 27% del Fabbisogno dell’area. A gennaio 2023, nonostante la parziale copertura della carenza di personale che sarà attuata con il concorso pubblico di consulente della protezione sociale, le cui prove orali sono tuttora in svolgimento, persisterà un’insufficienza di personale in area C di almeno il 10% rispetto al Fabbisogno, così come risultano sofferenti tutti i settori di lavoro dell’INPS. A novembre 2022 l’area medica presenta una carenza del 30%, mentre risultano in forza solo 400 infermieri, a fronte di un’ingente mole di lavoro relativa alle istanze d’invalidità civile.

Tenuto in considerazione quanto in precedenza evidenziato, si chiede lo slittamento del termine del 1° gennaio 2023 per il passaggio all’INPS delle competenze delle Commissioni di verifica del MEF, nonché ulteriori autorizzazioni di assunzioni di personale medico, infermieristico e amministrativo, per poter assolvere efficacemente alle competenze trasmesse all’Istituto nazionale di previdenza sociale.

Si resta in attesa di un cortese riscontro.

 

Cordiali saluti.

Roma, 15 novembre 2022                                                              p. USB Pubblico Impiego

                                                                                                                   Vincenzo Pagliaro 

 

 

 

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati